http://biospherepourdemain.org/http://biospherepourdemain.org/-
Comunicato stampa del 22 GIUGNO 2017 – «Per diffusione immediata»

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FRANCESE, Emmanuel MACRON

Signor Presidente, la sua elezione si fonda senza dubbio su parole impegnative quali È dunque giunto davvero il momento di costruire una nuova società, e seguire le orme di JF-Kennedy caduto a Dallas, il 22 Novembre 1963.»

Dal 1989, «Biosfera Per Domani» prepara l’evento della «Civilizzazione del Terzo Millennio». È nata il 5 marzo 2012 ad Atene. È la giusta alternativa al «Nuovo Ordine Mondiale». Per i cittadini, «Tutto è a portata di mano» … anche la vittoria!

Uomini e donne d’onore hanno preparato questo cammino, come i rispettabili presidenti John Fitzgerald KENNEDY e il Generale Charles de GAULLE. - Dobbiamo: 1/ Prendere l’iniziativa, 2/ Tracciare una nuova strada e 3/ Fissare delle scadenze. Per dare questo slancio iniziale «Basterà un segno» ha detto il poeta… Il vostro forse? Perché no?

«Bisogna ancora compiere grandi sforzi per ottenere la pace, la giustizia e la comprensione fra tutti gli uomini… Non penso che questo Paese raggiungerà il vertice in quest’amministrazione …, ma un giorno sì, e spero che allora, penseranno che abbiamo fatto la nostra parte…» ha detto John-Fitzgerald KENNEDY.

«Tutti dormono. E questo continuerà… fino a quando non denunceremo e non daremo un taglio. (…) è su di noi che incombe dunque tal dovere.» dichiarava Charles De GAULLE.

L’iniziativa cittadina prende adesso le redini del comando, per completare l’opera del popolo greco cominciata 2500 anni fa. La Civilizzazione del Terzo Millennio si libra!

Portato dalla Democrazia Compiuta, lo scopo di queste azioni pacifiche, sistematicamente non-violente, è ottenere i governi di tutto il mondo tenendo in considerazione le aspirazioni dei cittadini costruttori e facilitare le loro azioni. Signor Presidente, tutto è nelle NOSTRE MANI …e nelle VOSTRE anche.



http://biospherepourdemain.org/ http://biospherepourdemain.org/-
Comunicato stampa del 22 GIUGNO 2017 – «Per diffusione immediata» «
È arrivato il momento di costruire una nuova società e seguire le orme di JF-Kennedy caduto a Dallas, il 22 Novembre 1963.»


LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FRANCESE, Emmanuel MACRON

Signor Presidente, la sua elezione si fonda senza dubbio su parole impegnative quali: «Rinnovo democratico, strategia di mantenimento della Pace, Parola al popolo, Uguaglianza donne/uomini, Nuova politica, Giustizia indipendente, ecc.». Le sue parole sono accompagnate dalla consapevolezza che «Il Nuovo Ordine Mondiale ci impone il terrorismo…» Esso è quindi responsabile di innumerevoli crimini commessi nel nostro nome, contro la nostra volontà; alimentando lo smarrimento dei cittadini di tutto il mondo di fronte a un futuro problematico, sedicente democratico, a cui ci avviciniamo.

È dunque giunto davvero il momento di costruire una nuova società, prima che l’umanità si ritrovi completamente distrutta da tale oligarchia. Si immagina che sia a qualche passo dalla vittoria totale. Da due secoli prepara il suo dominio incontrastato sull’umanità. I mezzi per raggiungere i suoi fini sono: schiavitù finanziaria ed economica, sovversione, guerre, dittature e disastri programmati per poi raggiungere l’apice con «la grande crisi giusta» come la chiamano i suoi promotori…. che si rallegrano in anticipo!

Dal 1989, «Biosfera Per Domani» prepara l’evento della «Civilizzazione del Terzo Millennio». È nata il 5 marzo 2012 ad Atene. È la giusta alternativa al «Nuovo Ordine Mondiale».

Per i cittadini, «Tutto è a portata di mano» … anche la vittoria!

Signor Presidente, i valori che Lei professa non possono non essere abbracciati da ogni persona bramosa di progresso e di interesse generale. Per far sì che ciò accada, sono utili delle proposte puntuali di circostanza. Ma è fondamentale associarle a un progetto e un programma animati da una visione globale, valorizzati da scelte strategiche chiare e coerenti, rispettose degli individui e delle loro libertà. È la forza del programma di Biosfera Per Domani, originale nei suoi aspetti. Le nostre proposte sono capaci di armonizzare gli interessi locali, nazionali e mondiali, con un’applicazione puntuale e mossa da azioni politiche concrete. Esse non sono tergiversanti. Le riforme costituzionali prese in considerazione possono essere comprese in tutto il mondo. A prescindere dal Paese e dal sistema politico vigente, cittadini e classe politica avranno sempre la possibilità di iniziare belle evoluzioni. Tali proposte rispondono quindi alle attese dei popoli che si sono sempre sentiti dire: il liberalismo è la strada maestra. Risposte forti che aprono prospettive nuove. Esse consentiranno di beneficiare di immense potenzialità per troppo tempo trascurate come per esempio le potenzialità delle donne. Bisogna agire, adesso, a prescindere dalle difficoltà. Noi non accettiamo lo smembramento e la distruzione degli Stati per opera del «Nuovo Ordine Mondiale». Così facendo si apre un varco principale al suo dominio. Al contrario, dobbiamo ricostruire. Perché il nostro scopo è iniziare la costruzione di una nuova società di Pace e di Progresso nella Fratellanza, in un tempo che va da due o tre decenni. Questa è la sfida della nostra epoca. Ed è ciò che numerosi francesi vogliono sapere: se lei ha davvero l’intenzione di coglierla, tale sfida.

Uomini e donne d’onore hanno preparato questo cammino, come i rispettabili presidenti John Fitzgerald KENNEDY e il Generale Charles de GAULLE. E l’hanno pagato a caro prezzo. I pericoli però, non devono impedire, a noi cittadini del mondo, di ripercorrere le orme di JFK, caduto a Dallas il 22 novembre 1963.

Questo momento di Pace e Progresso è atteso dalla notte dei tempi. La nostra epoca, nonostante i tormenti che vive, è capace di mobilitare le buone e volenterose energie e raggiungere quest’obiettivo. Ignorando l’autorità usurpata da forze dominanti transnazionali, è con delle azioni costruttive potenti, come per esempio l’adozione del Piano Nazionale del Mondo per eradicare le guerre, che bisogna agire.

- Dobbiamo: 1/ Prendere l’iniziativa, 2/ Tracciare una nuova strada e 3/ Fissare delle scadenze. Per dare questo slancio iniziale «Basterà un segno» ha detto il poeta… Il vostro forse? Perché no? Non c’è dubbio che prima o poi un responsabile politico avrà questo coraggio. Questa scelta capitale potrebbe essere la decisione di uno dei presidenti al timone di una delle tre grandi potenze mondiali contemporanee; o, del responsabile di un’altra nazione, meno grande, ma più ispirata. Sarà un modo per far entrare questo Paese nella storia dell’umanità dalla porta principale. Per sempre questa nazione sarà la prima nel cuore dell’immensa maggioranza dei cittadini del nuovo mondo: i costruttori della Società del Terzo Millennio.
Dalla fratellanza dei Kennedy alla fratellanza cittadina, da Atene a New York il cammino non sarà facile prima che l’ultimo dei parassiti di «Wall-City» deponga le armi. Instancabile è però il respiro delle donne e degli uomini che, da sempre, contro tutto e contro tutti, hanno portato e porteranno in alto i valori di umanità.

«Bisogna ancora compiere grandi sforzi per ottenere la pace, la giustizia e la comprensione fra tutti gli uomini… Non penso che questo Paese raggiungerà il vertice in quest’amministrazione …, ma un giorno sì, e spero che allora, penseranno che abbiamo fatto la nostra parte…» ha detto John-Fitzgerald KENNEDY. «Tutti dormono. E questo continuerà… fino a quando non denunceremo e non daremo un taglio. (…) è su di noi che incombe dunque tal dovere.» dichiarava Charles De GAULLE.

L’iniziativa cittadina prende adesso le redini del comando, per completare l’opera del popolo greco cominciata 2500 anni fa. La Civilizzazione del Terzo Millennio si libra!

Portato dalla Democrazia Compiuta, lo scopo di queste azioni pacifiche, sistematicamente non-violente, è ottenere i governi di tutto il mondo tenendo in considerazione le aspirazioni dei cittadini costruttori e facilitare le loro azioni. Signor Presidente, tutto è nelle NOSTRE MANI … e nelle VOSTRE anche. Voi potrete anche essere influenti; noi però avremo il numero e la determinazione. Dal 13 maggio al 13 luglio 2017, ci saranno due mesi di tempo per giudicare la pertinenza all’investimento di questo progetto, dopo aver valutato le volontà e le potenze in presenza per fare la VOSTRA scelta.
Certo, Lei può essere un Presidente «normale», che non presta molta attenzione ai suoi impegni, al futuro dei cittadini e soprattutto a quello delle generazioni future del proprio Paese e del mondo. Piegarsi ai vincoli imposti dall’oligarchia che attualmente vige nel mondo può essere una «buona scusa» visto che «tutti dormono» e da molto. Fortunatamente, Lei può essere anche un Presidente «straordinario» se si impegna nella più bella delle avventure: iscrivere l’umanità in un’era di Pace e Progresso per tutti i popoli. Il 14 luglio per la festa Nazionale, sapremo quindi se ha deciso di dar vita davvero ai suoi punti pre-elettorali.
La forza cittadina l’accompagnerà e supporterà con entusiasmo, se Lei concederàil permesso di costruire. Essa, invece, non accorderà mai all’oligarchia, il permesso di distruggere la biosfera e andare ancor più lontano nelle devastazioni. Con un tale bilancio, non si è ridicolizzata un po’ di più quando uno dei suoi capi ha preteso pateticamente di «fare il lavoro di Dio»? Saprebbe convincerla ad abbandonare i vecchi capricci totalitari, ridicoli e morbosi? Saprebbe mostrarle tutti i benefici materiali, e altri, che potrebbe avere con delle modifiche lente delle sue attività in un periodo da 20 a 30 anni? Avrebbe così il tempo necessario per metterli in armonia con i valori e l’economia finalmente sana della nuova Società. Possiamo sperarlo; ma è poco probabile. Con il suo cinismo abituale e la sua crudeltà senza pari, sete di potere, e del suo dominio quasi integrale del mondo, essa cercherà di soffocare tutti coloro che non si sommetteranno alle sue volontà.
È una ragione per accettare lo schiavismo totalea cui ci prepara? No, ovviamente! Malgrado tutto, sappia che noi, Costruttori della nuova società, resteremo fedeli ai nostri ideali, alle nostre azioni, quali che siano le circostanze e le difficoltà incontrate. Mai adatteremo le nostre priorità a questi diktat. Non saremo mai «I Miserabili» dell’oligarchia. Quando il prossimo 14 luglio sarà sugli Champs- Élysées, non ci sarà tra i Cittadini Costruttori, vestiti di bianco, nessun «Miserabile». Siamo valorosi, resteremo valorosi per tutto il tempo della costruzione e della lotta che ci sarà imposta. Non poseremo mai i nostri strumenti prima della fine della «Grande Opera». Saremo motivati come non mai per posare, simbolicamente, in quel giorno di festa a Parigi, pietra angolare della Società del Terzo Millennio… con il suo appoggio … con Lei… questo è il nostro augurio.
Biosfera Per Domani - Jean-François Dottori-Rey de la Cruz,dit Dakttari.

Nota bene. «Pensiamo a questo paradosso: l’acqua finisce per usare la roccia. Lo spirito supera la forza. Il debole vince sul forte. Possiamo imparare ad avere il contrario delle cose, l’interno fuori e il basso in alto» ha detto Lao-Tseu (6° secolo A.C.). E se il contrario della nostra esperienza ci permettesse di capire che l’oscurità dei cuori più duri che vuole abolire le libertà dei popoli benigni possa essere efficace semplicemente per la luce dei nostri tempi?


# BIOSPHERE sur Twitter
@ BIOSPHERE sur Facebook
L'ESPRIT ET L'ART
  • JUSTE AVANT La Dictature
    Patrick VALLOT Artiste Peintre
  • FEMMES Enfin Les Entendre
    Nadège ROSTAN Photographe

  • IL SUFFIRA  D'UN SIGNE
     Jean-Jacques GOLDMAN Chanteur
  • FEMMES Sortir du carcan
    Nadège ROSTAN Photographe



  • MAINTENANT la Connaissance
    Patrick VALLOT Artiste-Peintre


  • NOS MAINS
    Jean-Jacques GOLDMAN Chanteur